Si parte! | Prime idee sul sito e sul blog | PhotoReporter
1
post-template-default,single,single-post,postid-1,single-format-standard,qode-core-1.0.3,,brick-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Si parte!

Sono un viaggiatore solitario, in parte è vero, ma questa volta l’idea è di non rimanere da solo!

Questo sito parla di fotografia e scrittura (chi gli avesse dato un’occhiata l’ha capito al volo..) e degli infiniti modi di utilizzo di detti strumenti per raccontare il mondo e le sue cose, le sue questioni. Dettagli, storie, angoli, panoramiche, eventi, ecc.. Ma, e veniamo al punto, questo spazio non vuole essere soltanto una vetrina dei miei lavori, dei miei reportage, portfolii, articoli, progetti in divenire. Vorrei anzi che, col tempo, acquisisse il valore della condivisione, mi piacerebbe utilizzarlo come un aggregatore di esperienze, come scritto in homepage, di idee, piccole divagazioni sul mondo della “testimonianza” e della “denuncia”, allo stesso modo sul resoconto di viaggio, sul reportage a tutto tondo, insomma, iconografico e/o testuale che sia. Mi piace l’idea che il sito, per quanto virtuale, possa divenire come un punto di ritrovo, la piazza di un paese, oppure un pub, un bar, o, se preferite, un salotto -un po’ spartano eh..- nel quale lasciare ciascuno la propria traccia, il proprio contributo, oppure una provocazione. Il tema è ampio, lo sappiamo. Ma possiamo tentare di gestirlo.

Ecco cosa ho in mente..

Un poco alla volta, proporrò a persone che lavorano in questo ambito (e dintorni) questioni che mi stanno a cuore (o mi paiono importanti di per sé), quali ad esempio:

-cosa intendi per “testimonianza“?

-cosa intendi per “reportage sociale“?

cosa cerchi quando afferri il notebook (o la penna?…) o la fotocamera o la videocamera, e sottrai una storia alla realtà, al quotidiano, al mondo?

-Perché lo fai (a parte la professione)?

-Cosa pensi di apportare?

-Cosa di perdere?

-Cosa di spiegare?

-Cosa di cambiare (ammesso qualcuno pensi di poterlo fare) di questo complicatissimo mondo?

Sono solo degli esempi, il campo potrebbe allargarsi o restringersi, a seconda di cosa si sente di dover mettere a fuoco. Chi vorrà rispondermi, potrà farlo con due parole, o un articolo, o col sistema che preferisce (va bene tutto, un video, uno schizzo, una registrazione audio, una foto, o un mix di più strumenti). Ciò che mi giungerà, verrà pubblicato qui.

Tanto? Troppo? Per nulla.. Non cerchiamo risposte chiuse, definitive, ma possibilità fra le tante. Guizzi, visioni, analisi, demoralizzazioni, chissà.. progetti in divenire, accantonati, in rollaggio, in fase di decollo, abortiti, riabbracciati dopo anni.

La mia prima idea, variabile cammin facendo (al solito) è quella di utilizzare, a tali fini, lo spazio della pagina dedicata al reportage e, se e quando necessario (e spero lo diventi) questo blog. In futuro, chissà..

No Comments

Post a Comment